• Italiano
  • Inglese

Corso di Dottorato in “Fusion Science and Engineering” (FSE)

NEWS:

è stato pubblicato il Bando di Selezione per la partecipazione al PhD Course in Fusion Science and Engineering, le domande dovranno pervenire entro le ore 13,00 (ora italiana) del 12 maggio 2021.
Il bando e le linee guida, in inglese e in italiano, sono disponibili a questo link https://crf.unipd.it/phd/admission

Breve storia del Corso di Dottorato

  • Nel 2007 l’Università di Padova (UNIPD) ha fondato la rete internazionale di dottorato Lisbon-Munich-Padua (LMP) che ha introdotto in Europa il concetto di rete di dottorato sovranazionale per la formazione nell’ambito della fusione ed è stata assunta come riferimento per stabilire i requisiti nel sistema di formazione del programma europeo FuseNet.
  • Nel 2012 è stato avviato il programma Erasmus Mundus Fusion Doctoral College (Fusion-DC) in “Nuclear Fusion Science and Engineering”, coordinato dall’Università di Ghent (UGENT) in Belgio. L’Università di Padova ne è entrata da subito a far parte come “Full partner”.
  • Nell’anno accademico 2017/18 (XXXIII ciclo di dottorato), proseguendo l’esperienza di successo delle reti LMP e Fusion-DC, le Università di Padova e di Ghent hanno avviato un programma triennale di dottorato congiunto dedicato alla scienza e alla tecnologia della fusione, supportato da una ampia rete di università nazionali ed internazionali e da laboratori di ricerca nazionali ed internazionali per le attività sperimentali.

Attualmente

Nell’anno accademico 2020/21 (XXXVI ciclo di dottorato), le Università di Padova e Napoli “Federico II” hanno avviato il Corso di Dottorato inter-ateneo in “Fusion Science and Engineering” (FSE), con sede amministrativa a Padova. L’obiettivo ambizioso è di consolidare il proprio ruolo nella formazione di alto livello di giovani ricercatori (fisici ed ingegneri). Gli studenti potranno beneficiare delle crescenti opportunità offerte nell’ambito delle attività sperimentali condotte presso il Consorzio RFX a Padova (ITER NBTF, RFX-mod) e dello sviluppo del progetto DTT, innovativo esperimento a confinamento magnetico in fase di realizzazione presso la sede di ENEA-Frascati, con il coinvolgimento di ampia parte della comunità fusionistica nazionale.

Per uno studente di dottorato in FSE sono previste le seguenti attività:

–    Frequenza di corsi di base e specialistici nel campo della scienza e tecnologia della fusione
–    Periodi di ricerca presso università e laboratori di ricerca internazionali (Europa, Stati Uniti, Giappone)
–    Periodi di formazione presso industrie attive in Italia e all’estero nel campo della fusione
–    Partecipazione a congressi e seminari
–    Altre attività complementari

Il tempo dedicato alle diverse attività previste nel corso del triennio è tipicamente distribuito tra:
–    Ricerca (70-80%)
–    Studio (10%)
–    Altre attività, compresa la scrittura della tesi (10-20%)

Maggiori informazioni si possono trovare sul sito ufficiale del Corso di Dottorato in “Fusion Science and Engineering” (FSE)
https://www.crf.unipd.it/phd-course-dottorato/introduction

Discussione delle tesi di Dottorato 2020 online